Il rischio per la tutela della libertà dei cittadini nel "permanente stato d'eccezione" della Pandemia.

Stampa Email

Ginevra Cerrina Feroni - Vice Presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali - sulle pagine de "il Dubbio" (17.12.2020), ci regala, a parere dello scrivente, una delle più memorabili riflessioni sull'equilibrio fra sicurezza e libertà in considerazione del particolare momento storico di emergenza sanitaria che stiamo vivendo e nella consapevole «normalizzazione dell'emergenza» che sovrasta le nostre vite. Alla luce dell'emergenza Covid 19, ci troviamo di fronte a torsioni interne dell'ordine politico- istituzionale: la sicurezza qui non si contrappone all'uso del potere, ma è essa stessa elevata a strumento del potere. Il conferimento di un valore preminente alla sicurezza, oltre che a potenziare pericolosamente il ruolo del potere esecutivo a tutto scapito del Parlamento, ha l'effetto di sacrificare inutilmente le fondamentali libertà dell'uomo, essendo del tutto illusoria, nella "società globalizzata del rischio", la ricerca della sicurezza assoluta dei rapporti sociali. Quello che segue è una sintesi dei pensieri espressi su "Il Dubbio" dal Vice Presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali di cui ci si augura di averne colto il senso e l'essenza. Buona lettura. Giuseppe Palmiotto 

Semplificazione e innovazione: 1/2 ciclo di incontri su SPID, CIE, App IO e pagoPA

Stampa Email

Il 28 febbraio 2021, come stabilito dal Decreto Legge “semplificazione e innovazione digitale”, è la data in cui le pubbliche amministrazioni dovranno: integrare nei propri sistemi informativi SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) e CIE (Carta d’Identità Elettronica) come unico sistema di identificazione per l’accesso ai servizi digitali; integrare la piattaforma pagoPA nei sistemi di incasso per la riscossione delle proprie entrate; avviare i progetti di trasformazione digitale necessari per rendere disponibili i propri servizi sull’App ‘IO’.

SPID: nuove modalità per il rilascio dell'identità digitale

Stampa Email

La nuova procedura di riconoscimento da remoto introdotta dall'Agid non prevede più la presenza contestuale dell'operatore del gestore Spid e del richiedente, che dovrà però effettuare un bonifico dal suo conto corrente. In sintesi, per ottenere Spid con la nuova modalità, il richiedente, dopo una prima registrazione sul sito del gestore, dovrà avviare una sessione automatica audio-video, durante la quale mostrerà il proprio documento di riconoscimento e il tesserino del codice fiscale o la tessera sanitaria. 

Firmeremo atti con SPID?

Stampa Email

Il 4 aprile 2020 sono state pubblicate nella Gazzetta Ufficiale n. 90 le “Linee Guida per la sottoscrizione elettronica di documenti informatici ai sensi dell'art. 20 del CAD. Con l’entrata in vigore delle linee guida sarà dunque possibile firmare documenti con SPID. I documenti firmati con SPID hanno lo stesso valore giuridico della firma autografa, poiché soddisfano il requisito della forma scritta e producono gli effetti dell’articolo 2702 del Codice civile. Per definire il perimetro dell’argomento è doveroso fare un preliminare passaggio su due articoli del CAD: l’art 20 e l’art 71.

© Ufficio Telematico s.r.l. - Partita IVA IT06992600723

 

clicca invio per cercare

I Nostri Contatti

Sede
Bari - Via Laforgia 4
Partita IVA
IT06992600723
Telefono
080.22.23.646 (8 linee)
SDI
T04ZHR3
E-mail
info@ufficiotelematico.it

Orari di apertura

Lun - Ven
9:00 - 19:00
Sabato
9:00 - 12:00
Domenica
Chiusi

CEO's Words

CEO

"In Ufficio Telematico operano persone accomunate da grande passione ed entusiasmo per il proprio lavoro, collaudate abilità comunicative, esperienza tangibile nel ruolo specifico ricoperto, lunga serie di risultati raggiunti nel proprio campo e background d’eccellenza".

CEO's Signature

Rimani Connesso

facebook linkedin