Osservatorio digitale

La validità giuridica e temporale della PEC

La validità giuridica e temporale della PEC

La Posta Elettronica Certificata PEC è un sistema di posta elettronica (che utilizza i protocolli standard della posta elettronica tradizionale) nel quale al mittente viene fornita, in formato elettronico, la prova legale dell'invio e della consegna di documenti informatici.

La PEC è garanzia sulla trasmissione, ricezione, sicurezza dei messaggi che possono contenere qualsiasi tipologia di informazione ed allegato, di cui si vuole avere la certezza della consegna. La PEC è nata per sostituire, attraverso i moderni mezzi di comunicazione, la Raccomandata postale con ricevuta di ritorno, o raccomandata AR. Così come avviene per la raccomandata AR, al mittente viene inviata una ricevuta che attesta la consegna al destinatario del proprio messaggio. La Posta Elettronica Certificata quindi garantisce la sicurezza delle comunicazioni elettroniche e, in quanto tale, costituisce a tutti gli effetti un documento con valore legale.

Trattandosi di un certificato, la PEC ha una scadenza tale da poter incidere sul suo valore probatorio?

I gestori delle caselle PEC, tramite la creazione delle "buste" che sono firmate digitalmente, certificano una serie di informazioni, tra cui l'identità del mittente ed il contenuto della PEC assicurando che non sia stato manomesso. Le due buste (ricevuta di accettazione e consegna) attestano che la mail è stata correttamente inviata e consegnata e correttamente consegnata nella casella di arrivo. Il DPR n. 68/2005 afferma che la PEC consente l'invio di messaggi la cui trasmissione è valida agli effetti di legge. Il certificato PEC assume lo stesso valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno e pertanto gli operatori economici che la utilizzano hanno interesse affinché a livello probatorio la validità della PEC rimanga inalterata.

La conservazione del valore legale della PEC

Chiariamo un concetto. Il certificato PEC non ha scadenza a differenza delle firme elettroniche utilizzate per chiudere le “buste”. A tal fine, incrociando le informazioni dei log. basterebbe verificare se al momento di apporre la firma, questa era valida. Allora dove starebbe il problema? I gestori della PEC sono tenuti a conservare i log per 30 mesi. Oltre questo periodo non si può, in termini legali, fare affidamento su di loro. È necessario attrezzarsi in autonomia con la conservazione digitale delle PEC. I sistemi di conservazione della PEC di Ufficio Telematico permettono di cristallizzare la data di applicazione della firma e prolungarne così la validità legale.

Approfondisci l'argomento sulla pagina dedicata. Clicca qui

 

Articoli Correlati

logo ufficio telematico

Ufficio Telematico è un Trust Service Advisor con un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 67.11% riferibile al periodo 2019/2021. Questi i numeri più significativi: 300.000 SPID e 80.000 firme digitali rilasciate, 1.2 milioni di fatture elettroniche all’anno e collabora con più di 2000 partner nazionali.

Shop

🚚 Spedizioni in tutta Italia

💳 Accettiamo tutte le carte di credito

Partner

UFFICIO TELEMATICO