Osservatorio digitale

AgID adotta le Linee guida SPID per minori

Sarà possibile per i minori avere la propria identità digitale e poter fruire di servizi online. L’Agenzia per l’Italia Digitale ha pubblicato le Linee guida operative per il rilascio dell’identità digitale in favore dei minori d’età e la fruizione dei servizi online, adottate con la Determinazione n.51/2022. (il link della Determinazione). Con l’attivazione per i minori, i ragazzi potranno utilizzare i servizi loro dedicati in piena sicurezza e tutela dei dati.

Un buon fatturato non basta più per giudicare un CEO

Nel 2018, Sundar Pichai, chief executive officer di Google, occupava il primo posto del Global CEO RepTrak, la classifica elaborata ogni anno dal Reputation Institute degli amministratori delegati con la reputazione più alta al mondo.

Per quanto tempo vanno conservati i documenti?

La documentazione fiscale, a norma di legge, va conservata per un periodo definito che varia da pochi mesi fino a 20 anni, in funzione della tipologia di documento siano essi conservati in modalità analogica che in digitale.

La svolta digitale con semplicità: le piattaforme di Ufficio Telematico per Professionisti e Imprese

Trasformare le criticità in opportunità. La «nuova normalità» è una straordinaria occasione di cambiamento. Il variegato tessuto delle professioni e delle aziende è alle prese con una sfida da cui si esce in piedi soltanto se migliori e innovativi, cogliendo la trasformazione tecnologica, cavalcandola, sfruttandola senza timori e con consapevolezza. Per farlo servono cultura e competenze.

Spid ai minori: le tutele richieste dal Garante privacy

Il Garante per la protezione dei dati personali ha individuato le garanzie per l’utilizzo del Sistema pubblico di identità digitale (SPID) da parte dei minori. I ragazzi sopra i quattordici anni potranno dotarsi di un’identità SPID per accedere ai servizi offerti dalla Pubblica Amministrazione a loro rivolti. I più piccoli invece potranno utilizzarlo solo per i servizi online forniti dalle scuole. Saranno i genitori a richiedere lo SPID per loro.

Il binomio GDPR e brand reputation. La protezione dell’ immagine aziendale

La Brand Reputation è l'insieme di percezioni, valutazioni e aspettative nei confronti di un'azienda che sono il frutto di numerosi fattori quali la storia, le pubbliche relazioni e la condotta dell’azienda nel tempo e fra questi anche la gestione dei dati e il rispetto delle regole imposte dal GDPR a tutela degli interessati.

La notifica via PEC: i pubblici elenchi

L’articolo 3 bis della L. 53/94 prevede che si possa procedere alla notifica per PEC a condizione che l’indirizzo di posta elettronica certificata del destinatario della notifica risulti da pubblici elenchi.  I pubblici elenchi richiamati dall’art. 3 bis della L. 53/94, sono i seguenti:

UFFICIO TELEMATICO